NEWS ▰

Selbstbwegung

 

“The truth was not brought into this world nude, but with symbols and images.”

Gnostic Gospel, Filippo, code II, 51, 29 - 86, 19, verse 67

 

 

Selbstbwegung by Stefan Canto is a site-specific project that articulates, drawing a vibrant trajectory of signs-sculptures, a lucid and

suspended epiphany of enunciations and of symbolic operations. An active semiosis, which territory of analysis, individuates the dynamic of the friction and of the convergences operating within the dialectic of man - nature.

A procession of critical propositions. A naturalis philosophy which introduces the place, individuated by the architectonic artifact - the city -, to activate an episteme of deconstruction and recomposition of the natural data.

The architectonic space as a shape, forming, and formed. Architecture, as interpretative poetics of the progressive adaptations of the nature on the inorganic state of reality. An underwritten relation that, puts into work a critical analysis of invasive, forced and destructive processes of the contemporaneity.

Activating the verge of an interpretive hypothesis in order to individuate the continuous progressions of the significance in the pair organic - inorganic.

The methodology of research, adopted by Stefano Canto, provides the introduction of a sign, stackable, accumulative, computable.

Modular. The cube. Unit that, within its symbolic implications, as a concluded portion of a semiosis - a fragment of reality -, and its physical state- in the deferred reiteration of cubic space -, operates to deploy, continuously, devices of reception and of presentation of the factual.

The works in Selbstbewegung present themselves as signs-symbols. Where processes of contraction, expansion, addition, and subtraction of what is natural within what is cultural, are sedimented. The space of exhibition, therefore, opens up into a dialectical exemplification. Where each work objectifies a specification of a relation.

In the Photographic Decompositions, which signal the start of the installative project, it is the sky - iconographic detail individuated in the Schinkelian scenography of Mozart's Magic Flute - printed on paper, adhesive and refractive, to begin the process of transmutation. Details of nature scale away, into the triangular modular grid, mechanically incised, to then reconfigure according to intentionally contrived coordinates. Architectonic elements - coagulations of cubical modules - appear along shaded patterns, subtleties of nocturnal landscapes. The natural symbol develops, constraining itself, in the three dimensional measurability.

Architectonic units, obliques, are formed, therefore, as reflections of negative. Conspicuous, metallic, above hard lead skies. Viceversa, in Caedo, constituting the second element of Selbstbwegung, fittingly, is the cultural detail which represents the decoding actor of the natural element. Caedo is the mold in cement of the spaces, empty, concave, dug from tree trunks by lethal agents of pathogens. Fungi which, present within a city's flora, are contextual to the degenerative processes of hyper urbanization.

The Wall activates a synthesis. The installation is presented as a geometric accumulation of reflectors. Elements which, in a detournment of functional logic, as symbolic illuminations of a pathway or of an object within an urban context, become, in their own self-referentiality the meaning of an undividable unity. The accumulation of reflective elements, constitutes a device of reflection and diffusion of natural light. And this specificity is retraced in a retinal hyperstimulation. A two dimensional device of cancellation. A sensorial resetting operating within the system of culture-city. Exasperating the impracticability of every distinction and of every factual separation. The subject converges into the object. The internal into external. Nature into culture and viceversa.

Underlining a new metaphysics, functional, secular. Experienced.

Selbstbewegung concludes with the last statement. Geografie in contrazione. Geography in contraction.

BI is a block of cement, realized, in the days immediately preceding the exhibit, in the park adjacent to the gallery. Where, the constitutive elements - sand, water, soil and other inert materials - coagulate to construct a cube of registration of the dynamics of modification and of homogenization operated by man withing the context of nature. A unit is objectified, physical and symbolical, of two symbolic apparatuses of referral. A convergence that is inevitable, exemplified, further in the soundscaping that accompanies the presentation of the cube. The recording of audio of the casting is reproduced, in loop, sanctioning a non dual reality. The tangency. The necessity of an announced union.

Emerging, therefore, the significance of Selbstbewegun - conceptual articulation individuated by the curator of the project. "Circular movement". A term that, mutated by the platonic theory, indicates the functioning, automatic, of the concrete as a dynamic. Circularflow. Movement that, articulates a live dialogue, mobile, equal to itself and in continual realization. An organism of gnosis is constructed, where two planes recognize eachother and deconstruct eachother. Dedicating themselves to the description of an open symbolic scenario.

A unitary progression of objectual propositions. A perennial text, of dense symbols. Pulsating. Alive.

 

Fabio Campagna

//

"La Verità non è venuta nuda in questo mondo, ma in simboli ed immagini."

Filippo, Vangelo gnostico, codice II, 51, 29 - 86, 19, versetto 67

 

 

Selbstbewegung di Stefano Canto è un progetto installativo e site-specific che si articola, attraverso una traettoria di segni-sculture, in una lucida e sospesa, epifania di enunciati e operazioni simboliche. Una semiosi, il cui territorio di analisi, individua la dinamica degli attriti e delle convergenze operanti nella dialettica: uomo – natura.

Una processione di proposizioni critiche. Una filosofia naturalis che introduce il modulo del luogo individuato dall’artificio architettonico - la città – per attuare un epistème dei processi di decostruzione e ricomposizione del dato naturale. Lo spazio come forma formante e formata. Architettura, come poetica interpretativa delle continue modulazioni metamorfiche del naturale; gli adattamenti, del piano organico del reale, all’interno del suo simmetrico simbolico: l’inorganicità, asettica, dei processi invasivi, coatti della postmodernità contemporanea.

E viceversa. La riflessione sul funzionamento del luogo architettonico - luogo urbano, disegnato e costruito per essere indossato,come utero ulteriore, successivo, definitivo – atta ad individuare la permanenza del culturale nell’organico. E, le sue continue progressioni nell’ordine del significante.

La metodologia di ricerca adottata da Stefano Canto prevede l’introduzione di un segno, componibile, accumulabile, computabile, modulare. Il cubo. Unità, che, nelle sua implicazioni simboliche, come porzione conclusa di una semiosi - un frammento del reale, un’estrazione metaforica - e fisica, in quanto oggettivazione compiuta del significante, la reiterazione della forma cubica, opera un dispiegarsi, continuo, esponenziale della messa in opera di dispositivi di ricezione.

I lavori in Selbstbewegung si presentano, come eventi-segni. Dove sedimentano i processi di contrazione, dilatazione, addizione, sottrazione del naturale dentro il non naturale. Si apre, dunque, dentro lo spazio espositivo, una dialettica fra natura e cultura. Dove ogni lavoro ne oggettivizza una specificità di relazione.

Nelle scomposizioni fotografiche, che aprono il progetto installativo, è il cielo – dettaglio incongrafico culturale, sottratto alla scenografia schinkeliana per il Flauto Magico di Mozart; il parco di Schinkel è limitrofo alla galleria – stampato su carta, adesiva e rifrangente, ad avviare il processo di trasmutazione. Il dato naturale si sfalda, nella griglia modulare, triangolare e cubica, incisa meccanicamente, per ricomporsi secondo coordinate propriamente costruttive. Elementi architettonici, compaiono sulle campiture sfumate, tenui dei paesaggi notturni. Il segno naturale, si svolge, costringendosi, nella misurabilità tridimensionale. Elementi architettonici, obliqui, nascono come riflesso negativo stagliandosi sopra cieli plumbei.

Viceversa, in Caedo, che costituisce il secondo elemento nella scrittura allestitiva di Selbstbewegung, è, propriamente, il dato inorganico ha rappresentare l’attore di decodifica dell’elemento naturale.

Caedo si presenta come il calco in cemento degli spazi, vuoti, concavi, scavati nei tronchi d’albero da letali agenti patogeni. Funghi della flora cittadina, contestuali ai fenomeni degenerativi causati dai processi di iperurbanizzazione.

The Wall avvia una sintesi nel processo dialettico. L’istallazione si presenta come accumulazione, geometrica, di catadriotti rettangolari montati su PVC. Catadriotti che, detournati dalla logica funzionale di scrittura - illuminazione segnaletica di un percorso o di un oggetto – di una traccia percorribile lungo l’epidermide del suolo, diventano, nella loro autoreferenzialità il significato di un’unità non divisibile. L’accumulazione degli elementi rifrangenti, costituisce un dispositivo di riflessione e di diffusione di luce naturale, la cui specificità si rintraccia nell’iperstimolazione retinica. Un dispositivo bidimensionale di cancellazione e azzeramento sensoriale che opera all’interno del sistema cultura-città. Esasperando l’inattuabilità di ogni discrimine e separazione fattuale. Il soggetto confluisce nell’oggetto. L’interno in esterno. La natura in cultura … e viceversa. Si delinea una metafisica, applicata, laica. Atea. Sperimentale. Praticabile.

Selbstbewegung si conclude nell’ultimo enunciato. Georafie in contrazione. B1 è un blocco di cemento, realizzato, nei giorni immediatamente precedenti la mostra, nel parco di Schinkel adiacente la galleria.

Dove gli elementi costitutivi - sabbia, acqua, terra, materiali inerti – si coagulano per costruire un cubo di registrazione delle dinamiche di modificazione e di omogeneizzazione operate dall’uomo sulla natura. Si delinea la costruzione di un unità fisica e simbolica dei due apparati simbolici di riferimento. Una convergenza la cui inevitabilità, si esemplifica, ulteriormente nella sonorizzazione che accompagna la presentazione del cubo. La registrazione della colata è riprodotta, in loop, sancendo una compiutezza, un’unicità, non duale, dei due momenti. La tangenza e l’unione della cultura nella natura. E la compresenza dell’elemento naturale dentro il logos. La necessità di un’unione annunciata.

Emerge, dunque, il significato della parola Selbstbewegun. Individuata dal curatore del progetto. “Movimento in circolo”. Termine che, mutuato dalla teorizzazione platonica, indica il funzionamento, automatico, del reale come dinamica, flusso circolare. Una progressione simbolica che articola un dialogo vivo, mobile, uguale a se stesso e in continuo divenire.

Si costruisce un organismo di gnosi, dove i due piani si riconoscono e si decostruisono. Dispiegandosi nella descrizione di uno scenario simbolico aperto. Un articolarsi di "proposizioni oggettuali ", unitario. Organico.

Una perenne scrittura e riscrittura di simboli, densi, pulsanti.

Vivi.

 

 

Fabio Campagna

 

 

 

 

<

 All Images are © Stefano Canto 2016